#MASH 2016 – Suoni e culture post-globali

“Sonic Impact”

Milano

1-3 dicembre @ MUDEC + BASE + BIKO
4 dicembre #MASH Off @ BUKA Mondo

Mazen Kerbaj (LB) & Rabih Beaini (LB), Primitive Art (IT), Roly Porter (UK) & MFO (DE), Helm (UK) plays Muslimgauze, Sote (IR) & Boris Vitazek (SLK), Florian Mayer aka Don’t DJ (DE), Jumana Manna (US/PA), Yussef Kamaal (UK), Yor Kultura (NL), DJ Rupture (US)

La “musica del mondo” o world music è una convenzione che attraversa il mercato discografico da ormai trent’anni: nasce a tavolino in seguito ai primi viaggi di esplorazione extraoccidentale di artisti quali Brian Jones, Paul Simon, Peter Gabriel e David Byrne, che hanno definito un punto di vista dominante da cui osservare il cosiddetto Global South.

Dopo l’edizione pilota dello scorso anno, la rassegna #MASH 2016dal 1 al 3 dicembre presso gli spazi di MUDEC Museo delle Culture, BASE e BIKO, il 4 dicembre in BUKA Mondo – riparte dalla considerazione forse scontata, ma necessaria, che nel mondo iperconnesso in cui viviamo siamo spinti a rivedere le geografie e a dimenticarci del concetto di autenticità.

Cosa succede alle musiche del mondo, oggi? In che misura la rete e la rivoluzione digitale stanno mutando il posizionamento dei soggetti e la circolazione dei suoni su scala globale? Come viene percepito il suono nelle situazioni di conflitto? E, soprattutto, qual è l’impatto sonoro della “world music 2.0”?

#MASH 2016 tenta di rispondere a questi interrogativi in tre giorni di talk, proiezioni, listening session e performance sul tema “Sonic Impact”. Alcuni artisti, pensatori e ricercatori contemporanei che osservano tali cambiamenti, sono chiamati a testimonianza della crescente attitudine alla contaminazione e all’ibridazione culturale.

Il programma di giovedì 1 dicembre parte dal Libano con l’artista visivo, fumettista e musicista Mazen Kerbaj insieme al produttore Rabih Beaini, che eseguiranno Multiplied, una performance di improvvisazione per tromba e sintetizzatori modulari live.

Si prosegue venerdì 2 con la sessione d’ascolto Kimera Zones dei Primitive Art, focalizzata sulla ricerca di colonne sonore di videogiochi che fondono musiche etniche aliene e da cui è difficile trarre un’appartenenza culturale reale. Quattro performance serali – di cui tre anteprime italiane – coprodotte da Disco_nnect movimentano gli spazi di BASE: Third Law Live, la collaborazione cinematica tra Roly Porter e il videoartista Marcel Weber (MFO) attraverso una performance sinestesica che dissolve e ricompone stati di coscienza; il dj set di Helm che rilegge le composizioni di Muslimgauze, compianto musicista elettronico ispirato alle cause politiche avvenute nel contesto dei conflitti arabo-israeliani; l’iraniano Ata Ebtekar in arte Sote e i visual dello slovacco Boris Vitazek fanno incontrare differenti codici stilistici all’interno dello stesso percorso artistico, alterando tonalità e ritmo per ottenere paesaggi sonori sintetici particolarmente dinamici; Don’t DJ, invece, torna in Italia per trasportarel’ascoltatore al di là delle barriere percettive culturalmente stabilite attraverso la cosiddetta musica acefala, qualcosa che non ha un punto d’inizio ben definito e incoraggia a scoprire diversi “punti d’ascolto” nel medesimo arrangiamento.

Sabato 3 si apre con l’intervento del musicista Florian Mayer (Don’t DJ) sul concetto di autenticità ed esotismo e la proiezione del documentario A magical substance flows into me di Jumana Manna. La videoartista e scultrice palestino-statunitense, influenzata dagli studi dell’etnomusicologo Robert Lachmann degli anni ‘30, indaga sulle tradizioni musicali di Israele e Palestina fino a sovvertire la distinzione tra cultura “ebraica” e “araba”. Ci si sposta al BIKO per il concerto di Yussef Kamaal, progetto del duo londinese di ispirazione jazz-funk anni ’70 composto da Yussef Dayes e Kamaal Williams, fresco di pubblicazione dell’album Black Focus sulla Brownswood di Gilles Peterson.

La rassegna si chiude domenica 4 con i dj set di #MASH Off in BUKA Mondo. Protagonisti il collettivo Yor Kultura da Rotterdam e Jace Clayton aka DJ Rupture, il produttore e globetrotter dei suoni dal mondo che inoltre presenta in anteprima, sabato 3 al MUDEC, la sua recente pubblicazione Uproot: Travels in 21st-Century Music and Digital Culture.

#MASH è realizzato da S/V/N/ Savana e Associazione Terzo Paesaggio con il contributo di Fondazione Cariplo, con il patrocinio del Comune di Milano, in collaborazione con MUDEC – Museo delle Culture, BASE Milano, BIKO, Norient Sounds, Disconnect, Basemental, BUKA, Palm Wine, Invernomuto (artwork), Cheick Ahmadou Ouattara (immagini), Taliesin Gilkes-Bower (lettering Pixadores).

Talks & Screenings (in collaborazione con Palm Wine)

Florian Mayer (DE) – “Authentic exoticism”
Jumana Manna (US/PA) – “A magical substance flows into me”
Mazen Kerbaj (LB)
Primitive Art (IT) – “Kimera Zones” listening session
Rabih Beaini (LB)
DJ Rupture (US) – presentazione “Uproot”

Performances

Don’t DJ (DE)
Helm plays Muslimgauze (UK)
Rabih Beaini (LB) e Mazen Kerbaj (LB)
Roly Porter (UK) & MFO (DE)
Sote (IR) visuals by Boris Vitazek (SK)
Yussef Kamaal (UK)
Yor Kultura (NL)
DJ Rupture (US)

Special Projects

Per rafforzare la collaborazione nata lo scorso anno a Savana #MASH, alla rassegna 2016 si unisce Seismographic Sounds – Visioni di un nuovo mondo, mostra multimediale del network svizzero Norient che si inaugura il 25 novembre e fino al 23 dicembre presso BASE. La mostra multimediale indaga e discute la varietà e il potenziale innovativo delle culture digitali, andando oltre la visione pessimistica di una globalizzazione che porta all’uniformità culturale, in una geografia variabile e in continuo mutamento. http://goo.gl/RA0oQk

Fondazione Cariplo

È tra le realtà filantropiche più importanti del mondo con oltre 1000 progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di euro e grandi sfide per il futuro. Giovani, benessere e comunità le tre le parole chiave che ispirano oggi l’attività della fondazione. “Dalla coesione tra le persone parte la nostra piccola rivoluzione – Giuseppe Guzzetti, Presidente – perché ciascuno dia il proprio contributo per fondare il futuro della nostra società su quei principi di solidarietà e di innovazione sociale che sono alla base dell’operato di Fondazione Cariplo” #conFondazioneCariplo.

 

Programma

Giovedì 1 dicembre

MUDEC – Museo delle Culture – via Tortona 56, Milano – ingresso gratuito

18:15 – 19:45

Sonic Impact: il suono nelle situazioni di conflitto talk con Mazen Kerbaj, Simone Bertuzzi

21:15 – 22:15

Mazen Kerbaj e Rabih Beaini – live performance

 

Venerdì 2 dicembre

MUDEC – Museo delle Culture – via Tortona 56, Milano – ingresso gratuito

18:15 – 19:15

The Museum as a Battlefield: archivi e polveriere virtuali
Primitive Art “Kimera Zones” – listening session
BASE – via Bergognone 34, Milano – ingresso €15/12 (ridotto entro le h 23.00 / studenti con tesserino under25 / soci Ass. Cult. Terzo Paesaggio)

22:00 – 03:00 in coproduzione con Disco_nnect Music

Roly Porter & MFO – “Third Law” a/v live performance – première italiana
Helm – “Helm plays Muslimgauze” dj set – première italiana
Sote, visuals by Boris Vitázek – a/v live performance – première italiana
Don’t Dj – live performance

 

Sabato 3 dicembre

MUDEC – Museo delle Culture – via Tortona 56, Milano – ingresso gratuito

15:00 – 20:00

World Music 2.0: come circolano i ‘suoni del mondo’ nel mondo globalizzato e iperconnesso
Jumana Manna – “A magical substance flows into me” – Auditorium, screening – première italiana
Jace Clayton aka DJ Rupture – Spazio Culture Forum Città Mondo, presentazione del libro “Uproot” – première italiana
Florian Mayer aka Don’t DJ – Spazio Culture Forum Città Mondo, talk “Authentic exoticism” – première italiana
BIKO – via Ettore Ponti 40, Milano – ingresso €15/12

22:00 – 03:00
Yussef Kamaal – live performance

 

Domenica 4 dicembre – #MASH OFF

BUKA Mondo c/o ristoclub viale Piceno 3, Milano – ingresso €13/10 (con possibilità di cena)

19:00 – 02:00
Yør Kultura – dj set – première italiana
DJ Rupture – dj set

Info: info@terzopaesaggio.comsvnsvn.tumblr.com
press: gaetano scippa – gaerlund@gmail.com – 335 6858609

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.