Dischi Macramè marzo / Il Vuoto Elettrico (post-punk, noise), la bestia CARENNE (folk, electro)

Tagged: , , , , , , , ,

IL VUOTO ELETTRICO – “TRAUM”
(Dreamingorilla Records / I Dischi del Minollo / La Stalla Domenica – post-punk, noise)
Data di uscita: 10 marzo 2017
Prodotto da Xabier Iriondo (Afterhours), il secondo lavoro della formazione bergamasco-bresciana vira dal post-hardcore newyorchese degli esordi verso una forma di post-punk urticante e brevilineo. Un concept-album che indaga il rapporto fra il tempo, la vita e la conoscenza di sé stessi, analizzati attraverso il trauma e il sogno (“traum” in tedesco) come chiavi di lettura rispettivamente del passato e del futuro. Il tutto ambientato in una casa dove ogni canzone è una stanza e ogni stanza una stagione della vita. “TRAUM” fa rimbalzare l’ascoltatore fra spigoli appuntiti, impreviste ritmiche pop, rumorismi vocali e implosioni soffocanti, mentre le parole sono inesorabili, lavorano ai fianchi per mirare allo sterno e alimentano una tracklist dove viene recisa ogni vena di falsità, affinché sul terreno rimanga solamente la carne viva.

la bestia CARENNE – “CORIANDOLI”
(Bulbart – folk, electro, miscellanea)
Data di uscita: 24 febbraio 2017
Immaginate se per uno strano scherzo del tempo i cantautori italiani del Folkstudio si trovassero catapultati al Club to Club e viceversa. Ecco, il suono de la bestia CARENNE sta lì. In una dimensione inimmaginabile ma concretizzata da queste canzoni dagli equilibri complessi eppure fertili, dove il suono non è lucidato a puntino ma neanche lo-fi e la bestia si nutre di molteplici pietanze musicali. “Coriandoli”è un disco folk spiccatamente obliquo fra acustico, elettrico ed elettronico, che sviscera il tema delle prigionie (personali, sociali, lavorative, psicologiche etc.) in brani da cui non è mai possibile sapere cosa aspettarsi. Le parole sono tremori di dolore, rospi sputati, colpi di scalpello, getti di sangue e umori di una bestia onnivora che vuole tornare a respirare liberamente l’aria tutta piena di coriandoli.

Rispondi