The desiring machine, Workshop con l’artista G. Barrera

Tagged: , , , ,

Il workshop vuole tendere a incentivare lo sviluppo di un linguaggio fortemente personale e ha la finalità di produrre un lavoro collettivo.
Ci troviamo in un momento storico dove il concetto di osservare si confonde con quello di voyeurismo, dove il nostro intimo immaginario risulta quasi banale perché sembra essere prodotto da fonti esterne e dove il desiderio si è trasformato in evasione o in un puro capriccio.
Creare nuove immagini e nuove forme di rappresentazioni mostrando il nostro sguardo senza sovrastrutture in una forma quasi originaria delle nostre percezioni è probabilmente la strada per creare attraverso le fotografie un mondo più umano. Ricercare ed approfondire conduce ad avvedersi della nostra relazione con il mondo e ripensare il nostro ruolo di operatore, produttore e creatore di reale anziché di solo ricettore e consumatore.
Desiderare, etimologia: ‘cessare di contemplare le stelle a scopo augurale’.

1 GIORNATA 29 Aprile ( 10.00 – 18.00 )
MATTINA
Breve introduzione sul lavoro di Giorgio Barrera e sul metodo di lavoro. Visione dei portfolio dei partecipanti.
POMERIGGIO
Perché un lavoro collettivo? Discussione degli elementi teorici del progetto. Esami di alcuni testi per introdurre e discutere il tema da svolgere.
2 GIORNATA 30 Aprile ( 10.00 – 18.00 )
MATTINA
Esercitazione pratica per mostrare possibili metodologie di lavoro e cercare di individuare le possibili diramazioni dell’idea di fondo.
POMERIGGIO
Tentativo di individuazione del prodotto finale per l’output del progetto cercando di individuare quali siano le caratteristiche che lo rendono adatto al contenuto e al messaggio che gli si vuole dare.
3 e 4 GIORNATA 27/28 Maggio ( 10.00 – 18.00 )
Esame e critica dei lavori svolti e immersione nel lavoro di preparazione del prodotto finale.

Giorgio Barrera, (1969) lavora con la fotografia e il video. La sua ricerca si è sempre focalizzata, anche se con strumenti e metodologie diversi, sul rapporto fra realtà e soggettività. Ha vinto, tra gli altri, i premi Baume & Mercier, Canon, e FNAC ed ha collaborato con vari Istituti di Cultura Italiani, con il Mibact altre varie istituzioni e gallerie. Suoi lavori sono stati esposti in Europa, Russia, Canada e Stati Uniti e sono presenti in collezioni pubbliche e private. Ha realizzato tre libri di fotografia con Silvana Editoriale, Zone Attive e Postcart e con quest’ultima casa editrice ha da poco pubblicato un saggio dal titolo “La battaglia delle immagini”. Il testo indaga i rapporti della fotografia con la socialità e la realtà e si spinge ad introdurre una forma creativa di mediattivismo da realizzarsi soprattutto con le immagini. Direttore artistico del Festival di Ragusa è tra i fondatori del collettivo artistico Fotoromanzo Italiano di recente vincitore di una residenza artistica presso Le Murate Pac a Firenze.

giorgiobarrera.it

Info e costi:

zerozerouno.org
info@zerozerouno.org
Via Pisoniano, 9 Roma

Costo del Workshop:
€ 260,00
( € 100,00 al momento dell’iscrizione + € 160,00 nel primo week-end)

Rispondi