Non solo Profumi a Fratta.

Tagged: , , , , , , ,

utagawa-kunisada-finto-miracolo-di-una-finta-sacerdotessa-1852La mostra sulla storia dei profumi, in corso nel Museo Archeologico ospitato in una delle barchesse della palladiana Villa Badoer a Fratta, sta portando nella piccola cittadina in riva allo Scortico, affluente del Canal Bianco, moltissimi turisti.
Un risultato che fa ovviamente piacere al Sindaco Tiziana Virgili che coglie questa opportunità per invitare i turisti a scoprire Fratta.

“A cominciare – invita il Sindaco – proprio dalla Villa, capolavoro di Andrea Palladio, le cui barchesse accolgono il Museo Archeologico dove è allestita la mostra sui profumi. Per poi visitare Fratta, che, nonostante i poco più di 2 mila e 500 abitanti, è un concentrato unico nel Polesine di monumenti e di realtà di interesse sia storico che artistico”.

L’orgoglio del Sindaco è ben motivato. Intorno al piccolo centro è riemersa la più grande necropoli d’Europa dell’Età del Bronzo, testimoniata del resto dalle magnifiche testimonianze esposte nel Museo.
Ma Fratta è un concentrato, assolutamente prezioso, di ville di enorme interesse. Innanzitutto Villa Badoer, affrescata da Giallo Fiorentino, capolavoro del Rinascimento europeo e patrimonio Unesco. Ma ad affacciarsi sul corso d’acqua, sono molte altre dimore ed edifici storici. Due spiccano per la loro storia. Si tratta della Villa dei Carbonari, legata alle vicende, tragiche, dei protagonisti del Risorgimento italiano. E sopratutto Villa Matteotti.
La casa di Giacomo Matteotti, lo statista socialista ucciso dai fascisti il 10 giugno 1924 per aver denunciato i brogli elettorali di Mussolini. La Casa Museo a lui dedicata ricorda la vicenda di un uomo politico che qui è nato e che qui è sepolto. E una visita consente di rivivere una delle più complesse e difficili pagine della storia italiana del Novecento.
“Per incentivare il pubblico a scoprire queste meraviglie di Fratta, ribadisce il Sindaco Virgili, abbiamo attivato la Fratta Card, un biglietto unico, a prezzi polari, che unisce Museo, Villa Badoer e la Casa Museo di Matteotti. In un percorso piacevole in mezzo ad altre ville e palazzi e giardini, nella tranquillità della più bella campagna polesana”.

Info:
www.comune.frattapolesine.ro.it/museo-archeologico-nazionale.html
www.facebook.com/MuseoArcheologicoFrattaPolesine

Rispondi