Suoni a Sud 2011

seleziona

proposte artistiche d’autore per la rassegna e

giovani artisti per la residenza

Suoni a sud è un progetto che cresce negli anni. Arrivato quest’anno alla IV ed. come Rassegna Musicale e alla II come Residenza Artistica grazie al contributo della Regione Puglia e di sponsor privati e al patrocinio di Provincia, Comune e A.P.T di Lecce, apre le sue porte alle produzioni musicali d’autore e ai giovani artisti interessati a vivere l’esperienza della residenza artistica.

Per Suoni a sud – Rassegna musicale Workin’ produzioni musicali, gruppo di lavoro interno all’Associazione “L’Orchestrina” di Lecce, seleziona proposte artistiche d’autore sul territorio pugliese da inserire nel cartellone della prossima edizione in programma tra ottobre e novembre 2011. Il bando è aperto a solisti, gruppi, senza preclusione di genere, nati e/o residenti in Puglia. Una speciale sezione sarà dedicata a progetti che prevedano l’interdisciplinarietà tra le arti. Le richieste di partecipazione dovranno pervenire entro e non oltre il 20 settembre 2011. Una giuria qualificata composta da musicisti, critici ed operatori del settore discografico valuterà le proposte pervenute e i vincitori si aggiudicheranno un concerto nel cartellone della rassegna.

A vincere le scorse edizioni sono stati: Shoes Killin Warm (Foggia), Leitmotiv (Taranto), Partenopea (Roma-Napoli), Europe Connection (Bari, Roma, Milano), Giuseppe Di Gennaro (Lecce).

 

Per Suoni a sud – Residenza Artistica che avrà luogo dal 5 all’11 settembre 2011 Workin’ produzioni musicali seleziona giovani musicisti, danzatori, attori, scrittori, videomaker, pittori, fotografi o qualsivoglia altra forma d’arte per trascorrere una settimana tra incontri, workshops e prove aperte nelle varie discipline che condurranno alla creazione di una performance multidisciplinare.  Per partecipare alle selezioni che scadono il 25 Agosto 2011 bando e allegati sono reperibili su www.workinproduzioni.it

IL PROGETTO

Suoni a sud è una rassegna musicale (IV° ed.) e residenza artistica (II ed.) con il riconoscimento della Regione Puglia, del Conservatorio Musicale “Tito Schipa”, della Provincia di Lecce, del Comune di Lecce.

Il progetto Suoni a sud sarà dedicato quest’anno ai progetti d’autore e volgerà lo sguardo a tutta la produzione musicale che nasce e si sviluppa nel territorio pugliese, a quei solisti, gruppi, ensemble che hanno scelto il Sud come luogo dell’anima, patria elettiva e che, ovunque si trovino, portano nei propri lavori i segni della sua atavica energia. Facendo proprio il principio del “glocally” sono stati selezionati una rosa di nomi che, sia a livello nazionale sia internazionale, si sono distinti per la qualità della loro ricerca musicale.

Partendo dal pensiero “Think globally, act locally” che prevede lo sfruttamento, consapevole, delle risorse locali proiettandone gli effetti a livello mondiale, il progetto intende fare un salto in avanti e punta a capovolgere il paradigma in “Think locally, act globally”, intendendo con ciò dare forza al rapporto con il territorio non in termini difensivi ma in termini espansivi, valorizzando quegli artisti che hanno una straordinaria unicità condivisibile globalmente.

La Rassegna Suoni a sud intende così aprire uno sguardo su quelle realtà musicali che lavorando localmente e “underground” non di meno catalizzano consensi e interesse anche da parte del pubblico giovanile cui verrà data la possibilità, attraverso i workshop e i momenti di ricerca, di interagire con questi artisti che già da anni lavorano nel settore.

E per agire globalmente la rassegna apre le sue porte a chi in altre parti del mondo lavora all’elaborazione di uno stile ed un linguaggio profondamente personale quanto soffuso di una mistica senza tempo e senza spazio che va oltre l’imperscrutabilità dei segni e delle lingue natie.  Con l’ospite internazionale il pubblico che assisterà al concerto come i giovani musicisti che parteciperanno al workshop potranno accogliere i semi di una nuova fioritura, che genererà incontri e nascite.

La rassegna si propone inoltre di incentivare la formazione e la ricerca musicale, mettendo a frutto l’esperienza della Residenza Artistica svoltasi nel settembre 2010 c/o il Residence Campo Verde a San Cataldo e proponendo un percorso formativo nuovo, che renda l’esperienza la chiave di volta dell’apprendimento. Non più workshop e masterclass chiusi nelle aule di un ente di formazione musicale ma condivisione, “spazio” aperto di dialogo e incontro, di un “tempo” fermo, d’ascolto.

La Residenza mirerà non solo ad offrire un momento di ricerca e formazione ad artisti e appassionati ma anche di attrarre quanti verranno riconosceranno in questo evento un occasione per trascorrere la propria vacanza in un Salento che, attraverso queste esperienze, riesce sempre più a coniugare natura e cultura, ambiente ed arte, tempo ricreativo e tempo formativo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.