#PushTheTempo | Solo show | #AlessandraArno

Tagged: , , , , ,

Vegapunk freme dall’entusiasmo di presentare la personale di Alessandra Arnò. L’artista in questa mostra espone il risultato di un viaggio di esplorazione e riporta nello spazio di Vegapunk le tracce della sua ricerca artistica e teorica fatta di vagabondaggi reali e virtuali. Come una eremita digitale, dal suo desk, naviga tra le immagini del web e le contraddizioni della visione, tra isole di tempo premeditato, tra gli archivi on-line che ogni giorno moltiplicano il nostro capitale di immagini all’ennesima potenza, per costruire infine un discorso che si appoggia sul visuale e sulla pratica dell’ecologia della produzione.

Con questa mostra, Arnò interpreta il concetto di interazione come possibilità di rottura del flusso del tempo. L’artista presenta la superfice di proiezione dell’immagine e il contesto espositivo come parti integranti dell’opera e crea dei dispositivi di sincronizzazione per portare il mondo virtuale nel mondo reale, anziché il contrario. Dispositivi nei quali il fruitore, l’artista e il concetto di video stesso, sono implicati in modo pressoché performativo.

L’insieme delle opere costituisce un percorso che da teorico si fa empirico ed affermativo: una visione puntuale e acuta sul senso del tempo e della visione, sulla fascinazione visiva e la produzione delle immagini oggi.
Tutto ciò, con la leggerezza di un flaneur che osserva e sperimenta i confini del digitale.
Simona Da Pozzo (VegaPunk)

 

Statement

 

Push the tempo è un percorso tra il visuale, i media e il tempo. Quello che si apre è uno squarcio tra la percezione e la rappresentazione attraverso i media digitali, dove l’autorialità è volutamente demandata al found footage e alla non-necessità di produrre nuove immagini. Il linguaggio è scevro da ogni sovrastruttura per far risaltare la relazione tra la rappresentazione digitale e il proprio medium. Il tempo è una categoria fondamentale che coinvolge ogni opera: dalla sincronizzazione di segnali provenienti da un presente – passato, al tempo immobile del loop fino alla contemplazione del tempo virtuale elaborato dalla macchina.
Push the tempo è un esperimento per creare un dialogo e restituire autonomia alle immagini, al medium e al tempo della visione.
Alessandra Arnò

Rispondi