#DeboraGermano “Seduzione” alla #9m2gallery

Tagged: , , , ,

Dal 23 aprile al 6 maggio 2018 presso gli spazi della 9m2 gallery di Morcote sarà possibile visitare l’esposizione dal titolo “Seduzione” dell’artista Debora Germanò.
Debora presenta alcuni significativi periodi della sua vita, sia personale che artistica, spaziando dal romanticismo ai falsi d’autore fino ad arrivare – tra varie tappe – all’astrattismo.
I lavori dell’artista sono estremamente curati nei dettagli e visitare questa esposizione significa prendersi del tempo per assaporare ogni singola opera.
Domenica 6 maggio alle ore 16 è previsto il finissage che prevede il consueto caffè con artista. Presentazione a cura di Katia Mandelli Ghidini.
L’esposizione è visitabile nei giorni lu-ma gi-ve negli orari 10-16 sab-dom su appuntamento. Mentre lo spazio espositivo è visibile 24h/24 7g/7 in Riva dal Garavell a Morcote.
Catalogo disponibile in galleria.
Ulteriori informazioni www.9m2.gallery/esposizioni
Debora Germanò nasce in Calabria, a Palmi, il 13 gennaio 1973, ma vive tutta la vita nella provincia di Varese. Coltiva la passione per il disegno e le arti figurative fin dalla più tenera età, ma sceglie un diverso indirizzo di scolarizzazione: questo la porterà ad esplorare la sua passione da autodidatta. Le vicissitudini di vita influenzeranno notevolmente le sue opere, tant’è vero che l’arte di Debora puo’ essere definita sostanzialmente autobiografica. In relazione ai propri cambiamenti personali e ai propri stati d’animo, lei stessa classificherà la sua produzione artistica in sei fasi: ROMANTICA, FALSI D’AUTORE, SOLITUDINE, ORIENTE, CAMBIAMENTO e ASTRATTO . Al primo periodo, quello ROMANTICO , appartengono i quadri degli anni giovanili in cui i soggetti prevalentamente naturalistici vengono dipinti con toni sentimentali e spesso idilliaci ; è il tempo in cui Debora si sente come una spettatrice in attesa, ai lati del mondo , mentre guarda il tempo cambiare le cose intorno a sé. Da lì inizia una ricerca artistica che la vede approdare verso i FALSI D’AUTORE , una serie di opere in cui Debora rende omaggio alle donne del grande artista impressionista Renoir. Significativo il commento che la pittrice scrive di questo periodo: “Il mio sguardo si saziava di bellezze create dagli altri …non sapevo che anche il riprodurre lasciava una traccia in me di me”. Dopo questa fase Debora attaversa un momento difficile della sua vita in cui rappresenterà spesso figure femminili nude a volte ripiegate su se stesse, nell’attesa però di trovare uno stimolo nuovo e sufficentemente valido per aprirsi alla vita, mostrando ancora le proprie potenzialità . E’ il periodo definito SOLITUDINE , forse quello più difficoltoso e buio dell’artista. Ma piano piano il sereno rischiara le nuvole , ed ecco che in ORIENTE e CAMBIAMENTO Debora varca la soglia del turbamento interiore per mettere a nudo la propria anima e confrontarla col mondo. In questo periodo incontra la filosofia Buddista di cui condivide valori e principi , cosi inizia a realizzare opere in cui la donna si apre al creato con una dimensione nuova: quella universale. Debora pero’ non si accontenta. Si vuole sperimentare a trecentosessantagradi! Ed ecco che si spinge a fare il grande salto sostituendo il formale all’informale. Nel periodo ASTRATTO la pittrice usa i colori acrilici per riempire con pennellate piatte e corpose le forme sinuose e arrotondate che disegna sulla tela come pezzi di un puzzle perfetto. Anche qui pur non essendoci soggetti distinti da riconoscervi, l’osservatore può scorgere le tracce spirituali del suo animo, riflettendo non solo sulla scelta che la pittrice fa di pigmenti talora cupi, talora vivaci, ma anche sull’accostamento di questi ultimi in forme piu’ meno penetranti. Questa esperienza giova all’artista da un punto di vista tecnico, ma non la soddisfa pienamente. Debora vuole tornare al figurativo e cosi dalla fine del 2011 ricomincia a disegnare il suo soggetto preferito, i nudi, operando non più solo con l’olio, ma anche con acrilico. Le ultime opere sono in questo senso un continuo esperimento, perchè con l’olio realizza la figura femminile, mentre con l’acrilico lo sfondo. Su questa strada Debora vuole continuare a camminare e a evolversi ,non trascendendo pero’ dal motivo principale che ha stimolato il suo talento a la sua voglia di dipingere:  l’espressione di sé.
Dal 2012 entra a far parte dell’”Associazione Artisti Contemporanei”, promossa dalla Pro Loco di Varese.
a cura di Raffaella Bardelli

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.