#COLORCROSSING | #Nina Eaton out-side – #MaravanWees three-sides | 13 ottobre 2017 ore 17.30 | #CastelloCostaguti | Fraz. Roccalvecce – #Viterbo

Tagged: , , , , , , , ,

In occasione della tredicesima giornata dell’arte contemporanea, 14 ottobre 2017, organizzata da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani, il Castello Costaguti, con il patrocinio del Rotary Club Roma Quirinale presenta, dal 13 al 19 ottobre 2017Color Crossingpainting & ceramic sculpture Nina Eaton / out-side Mara van Wees / three-sides, a cura diJasmine Pignatelli.

La forma celebrata dal colore è il senso profondo del dialogo artistico che Nina Eaton e Mara van Wees attivano per la seconda volta, dopo la mostra del 2016 negli spazi della St Stephens Cultural Center Foundation a Roma. Il colore è in queste opere, forma e geometria, volume, vuoto e spazio. Le artiste chi con la pittura chi con i volumi della scultura, scrutano luoghi interni e piani esterni in un gioco di rimandi dove il colore è soglia e luce che rivela. Con modalità di analisi, tecniche e suggestioni diverse le due artiste depositano nell’uso del colore una componente di progettuale, scenografica e costruttiva che nulla toglie alla eterna sorpresa dell’ignoto.

Per Nina Eaton il colore è essenza della memoria e materia di invenzione. Ma è anche opalescenza che disperde, caligine che scherma, liquido che scorre e che racconta un flusso emotivo che parte da lontano, approda in un luogo sconosciuto e salvifico; nel farlo, il colore rivela le superfici, le masse, i piani e la luce, e invita ad inoltrarsi verso la soglia che divide il visibile dall’ invisibile. La superficie cromatica è la struttura che edifica spazi intimi, varchi inconsci e costruisce un sistema di visione che attraversa lo spazio e il tempo. Nina Eaton invita lo spettatore ad entrare nel suo mondo astratto dove il colore è la vertigine che smarrisce, è  l’impalpabile attraversamento della materia che, come in un percorso di purificazione allude a luoghi selvatici ma nello stesso tempo intimi e contemplativi.

L’angolo vivo di Mara van Wees non è solo incrocio di piani, è piuttosto il margine estremo di una massa pulsante, del respiro della materia che infrange i valori ortogonali dei volumi che in queste opere si presentano in continuo movimento. Il colore in questo è parte strutturale delle masse. E sostegno, impalcatura che regge l’uso scomodo e precario dei piani in bilico, dominate da forze che non rispondono a nessuna regola se non alla seduzione dell’arte. Un esempio si tutti e quello dei Falsi Vasi; nel senso che hanno un dentro e un fuori, un vuoto e una pelle, ma non rispondono assolutamente alla funzione di vaso. Sono generati dal colore che regala alla superficie, movimento e vertigine, nuovi piani, nuove fughe e nuovi angoli. Falsi o veri, non è dato saperlo, quel che è certo è che per Mara van Wees il colore è nuova geometria capace di reinventare forma e infrangere ciò che è ovvio.

Maggiori Info: COLOR CROSSING 

INFO

COLOR CROSSING
painting & ceramic sculpture 

Nina Eaton / out-side – Mara van Wees / three-sides
A cura di Jasmine Pignatelli

Inaugurazione 13 ottobre 2017 ore 17.30 – 19.30

Castello Costaguti
P.zza Umberto I n.19 – Fr. Roccalvecce – Viterbo

Dal 13 al 19 ottobre 2017
Orari: 10.30 – 18.30

Infoinfo@castellocostaguti.it  www.castellocostaguti.it  mobile: +39 3496382057

SponsorSergio Mottura – Civitella D’Agliano (VT), Italia
tel.+39 0761 914533, fax.+39 0761 1810100www.sergiomottura.com

Rispondi