#ArtPrimitiveGallery presenta: #JeffRoland #Dipinti

Tagged: , , , , ,

Jeff Roland

Dipinti

9 Febbraio _ 7 Marzo  2018
Vernissage  ore 19

Frutto di una selezione attenta ai linguaggi, ai temi e al background di ognuno degli artisti, che s’ispirano alla,

Outsider art,  folk art e all’ Art brut.

La mostra e’ tenuta dentro la libreria Mulino dei libri

 via Mazzini 34 Sarzana La Spezia Italy

   0187 603123                3477825516

Lieti che la linea della galleria sia gradita al pubblico.

Linkedin https://it.linkedin.com/in/artprimitivegallery
Facebook https://www.facebook.com/ArtPrimitiveGallery
Instagram https://www.instagram.com/art_primitive_gallery/
Twitter @ArtPrimitiveG
Web site www.artprimitivegallery.com
E mail   artprimitivegallery@hotmail.com

Sarzana La Spezia ITALY 8.06.1999

Jeff Roland crea pezzi audaci e colorati che riflettono il costante desiderio di esplorare la psiche umana.

Nato in Francia nel 1969, ha venduto opere a collezionisti in Francia, Svizzera, Paesi Bassi, Regno Unito, Stati Uniti, Norvegia, Canada, Italia ed in altre molte parti del globo.

 Ed una delle sue opere fa parte del London Museum of Everything Collection e del Barcelona Davis museo collection.

Jeff Roland crede che la sua Arte, che emerge dal suo subconscio, non debba essere definita secondo le aspettative del mondo dell’arte moderna. Invece, è un’interazione personale tra artista, tela e spettatore. Pittore autodidatta, il lavoro di Roland è caratterizzato dal suo uso di figure distintive, tribali, una giustapposizione di simboli opposti e sfondi appiattiti.

 I suoi dipinti fondono aspetti dello stile grezzo con riferimenti letterari e visivi contemporanei.

Una serie di temi chiave può essere identificata nei dipinti di Roland. Questi includono l’appartenenza (come artista e individuo), l’interconnessione e la conformità. È  affascinato dalla creazione della storia, Il consumo di una società per un’altra appare ripetutamente nel suo corpo di opere.

I dipinti di Roland sottolineano che la “civiltà” è costruita sui frammenti di società più antiche, probabilmente più primitive. Questo è usato come una metafora psicologica in cui la civiltà agisce come la coscienza razionale usurpando e distorgerdo  il  pensiero subconscio più primitivo.

La lotta subconscia / cosciente rappresentata durante tutto il lavoro di Roland evidenzia un altro aspetto fondamentale dei suoi dipinti, Esplora costantemente il dualismo e il tentativo dell’individuo di definire il suo posto all’interno di un mondo di forze opposte. Le polarità incorporate nei suoi dipinti assumono molte forme e includono luce e oscurità, ignoranza e conoscenza, l’individuo e la società, e il passato storico (e la sua costruzione) e il presente.

 La sua giusta opposizione di simboli primitivi – come serpenti e figure di stile neolitico – e simboli contemporanei (compresi i conigli della cultura pop) – sono un esempio prominente di questa preoccupazione.

Questi opposti, che riguardano sia l’artista che lo spettatore, significano l’attrazione costante del conscio e del subconscio sull’individuo.

 I dipinti di Jeff Roland non si limitano a una visione del mondo come lo vediamo noi, L’artista crede fermamente che tra i due punti più estremi tra il bene e il male , tra il positivo e il negativo  ci siano molti universi e infinite possibilità. In quanto tale, i suoi lavori registrano la fluida transizione da uno stato di essere ad un altro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.